Translate

martedì 31 marzo 2009

Lo stress può condizionare la fertilità

La relazione tra stress, cronico o acuto, e produzione degli spermatozoi, è stata confermata da svariati studi, dai quali si evince: una diminuzione, o scomparsa, del numero degli spermatozoi ed un netto miglioramento dei parametri del liquido seminale a seguito di trattamenti psicoterapeutici al fine di alleviare condizioni di stress ed ansia.

Nella donna l’alterata secrezione di ormoni controllati dall’ipotalamo può comportare disordini quali: la mancanza dell’ovulazione, ipogonadismo (insufficiente produzione di ormoni da parte delle ovaie), e assenza del ciclo mestruale.

Lo stress causa un effetto soppressivo sulla normale funzionalità delle gonadi, dando luogo a determinati squilibri che possono condizionare negativamente la procreazione.

L’ipotalamo (un insieme di nuclei situati nella zona interna del cervello) controlla, tramite particolari ormoni le attività delle gonadi (ovaie e testicoli), l’umore, la libido, la sete, l’appetito, il sonno, la temperatura corporea e la pressione arteriosa.

Per quanto riguarda i fattori psicologici come causa di infertilità, mentre un tempo le percentuali di casi ritenuti “inspiegati” raggiungevano anche il 50%, oggi, l’affinamento delle conoscenze e delle tecniche diagnostiche hanno ridotto di molto tali percentuali. Tuttavia ciò non esclude che, anche in quei casi di infertilità nei quali è nota una causa determinante, siano implicati fattori emozionali e psichici.

Sebbene le conoscenze su come questi fattori possano avere un controllo sulla funzionalità delle gonadi, non siano ben conosciuti, è indubbio che essi possano influenzare la produzione degli spermatozoi e l’ovulazione e quindi avere un ruolo determinante sulla riproduzione.

Lo stress è solo uno dei fattori, in genere non determinante, che incidono sulla fertilità e spesso insorge come effetto delle cure alle quali si sottopongono numerose coppie che arrivano allo specialista, dopo un certo periodo di rapporti mirati senza riuscire a procreare.

L’infertilità può diventare così, essa stessa, causa di stress e innestare un circolo vizioso.


dott.ssa Domenica Lammoglia

Nessun commento:

Disclaimer: le informazioni fornite da questo sito intendono supportare, e non sostituire, la relazione tra il paziente/visitatore del sito e il suo medico di riferimento