Translate

mercoledì 13 ottobre 2010

Malformazioni uterine - l'utero didelfo


L'utero didelfo è una malformazione molto rara. Non è da confondersi con l’utero “bicorne” perché nell’utero didelfo coesistono due uteri completamente distinti, cioè formati da due corni separati. Questi continuano in due colli che sboccano o in una vagina unica o più spesso (nel 75% dei casi) in una vagina doppia, formata cioè da un'unica cavità e divisa in tutta la sua lunghezza da un setto longitudinale. Talvolta sono doppie anche le tube e le ovaie. Come l'utero bicorne anche questo tipo di malformazione uterina non è causa di infertilità accertata, ma è causa dell'aumento dell’incidenza di aborti spontanei (20-35%) e di parti prematuri (15-30%).
A volte, chi presenta questa malformazione potrà riscontrare dolore nei rapporti sessuali a causa del setto (qualora presente) che divide la vagina.
La diagnosi viene fatta in genere durante le normali visite ginecologiche ma l’ecografia rende ancor più evidente ed obiettiva questa rara situazione. Generalmente non è necessaria una terapia chirurgica. Tuttavia è consigliabile intervenire, solo dopo il ripetersi di aborti spontanei, sempre che non sia in corso una gravidanza. Se, invece, il concepimento è già avvenuto, è opportuno, come per altre malformazioni, eseguire un cerchiaggio al collo (o, meglio, ai due colli) dell’utero.
Il chirurgo potrà intervenire anche sul setto che divide la vagina, rimuovendolo solo se comporta fastidi importanti.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

ciao a tutti io ho un utero didelfo e purtroppo ho avuto 2 aborti a soli 2 mesi ciascuno vorrei sapere quante percentuali ho di portare avanti una gravidanza..... a io xò ho una sola vagina.... grazie in anticipo!!!

Claudio Manna, ginecologo specialista dell'inferitilità ha detto...

La percentuale di un nuovo aborto potrebbe essere intorno al 40% o più ma bisognerebbe verificare anche se ci sono altri fattori contemporaneamente che possono favorire l'aborto. Quali altri esami per la poliabortività ha fatto?

Anonimo ha detto...

Buongiorno, ho 20 anni. Tramite Rmn mi hanno riscontrato un utero di delfo, bicolle con vagna divida da un setto longitudinale grossolano al terzo medio.Ho dolori durante i rapporti e vorrei sapere se sia possibile toglierlo.Vorrei inoltre sapere che accertamenti posso fare per affrontare una gravidanza.Grazie

BIOFERTILITY ICSI-FIVET-Infertilità ha detto...

Risposta alla domanda del 30 agosto 2017 13:23

Si, credo che la cosa migliore sia quella di togliere il setto chirurgicamente.
Per la fertilità lui dovrebbe fare uno spermiogramma e Lei vedere se le tube sono aperte.
Sono disponibile per ulteriori approfondimenti
Cordiali saluti
Prof. Claudio Manna

Disclaimer: le informazioni fornite da questo sito intendono supportare, e non sostituire, la relazione tra il paziente/visitatore del sito e il suo medico di riferimento